Perchè i corsi on-line non riescono a darti davvero quello che promettono?

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Articolo di Pierquinto Manco

Nel 2004 programmavo, a mio parere molto bene, in PHP. Un linguaggio di programmazione per il web. Avevo 16 anni. Avevo iniziato molto prima e completamente da autodidatta con altri linguaggi di programmazione. Mi entusiasmava il fatto che il computer seguisse le mie istruzioni e che il mio lavoro potesse diventare qualcosa a se stante in grado di interagire con altre persone, utenti, e altri computer e programmi. Poi ho preso una strada diversa, ho studiato economia e il marketing ha spodestato lo sviluppo software operativo dalla cima dei miei interessi. Nel 2018 a 30 anni volevo ricominciare. Sentivo che recuperare le competenze di sviluppo avrebbe potuto migliorare sensibilmente la mia vita lavorativa. La mia maturità mi avrebbe permesso di guardare oltre l’esercizio del codice e applicare tutto quello che l’economia e il marketing mi avevano insegnato a qualcosa che nel mio immaginario avrei fatto benissimo come un tempo. Non è andata così.

Il mio primo tentativo di avvicinarmi di nuovo alla programmazione è iniziato da dove avevo lasciato, il linguaggio PHP. Pensavo che tornando sui siti che frequentavo per ottenere informazioni e “formazione” attraverso la ricerca mi avrebbe rimesso in carreggiata dopo qualche lettura. Ma ci voleva troppo tempo per ricostruire 14 anni di storia dell’evoluzione del linguaggio. Non avevo più tutto quel tempo. Decido a quel punto di affidarmi ad un “mentore”, a qualcuno che facesse questo mestiere ogni giorno, a qualcuno che avrebbe potuto trasferire la sua esperienza e competenza in un’unica soluzione . Soprattutto evitando di dover ricercare tutti i contenuti di cui avevo bisogno in giro per la rete ma mettendoli a mia disposizione in modo ordinato e completo. Ho comprato il mio corso on-line di PHP.

La scelta è ricaduta su uno dei corsi di Udemy, una piattaforma molto popolare e con prezzi super accessibili. Con 10,99 mi ero assicurato la pillola magica che mi avrebbe trasformato in un perfetto “PHP developer” con sole 32 ore di video-lezioni. Un affare.

Al primo weekend senza la mia fidanzata per casa, inizio il corso. Primo video. Secondo. Terzo. Quarto. Ok, il docente è in gamba e parte dalle basi che già conosco. Questa parte la salto e inizio dalla prima lezione che mi suona nuova. Seguo tutto il video e poi un’altra decina. Durano circa 5/6 minuti ciascuno. Già al quarto avevo iniziato a seguirlo come si segue una serie tv alla terza stagione.

Non avrebbe potuto funzionare così.

Ho ricominciato da capo. Ho comprato un quaderno nuovo e me lo sono messo davanti mentre facevo ripartire il primo video. Mentre il docente spiegava, prendevo appunti e mettevo in pausa ogni volta che qualcosa non era chiaro. Dopo ogni video in cui veniva spiegato qualcosa di pratico mi mettevo subito alla prova esercitandomi, prima seguendo le istruzioni passo dopo passo, poi a mano libera cercando di uscire dal tracciato e sperimentare da solo.
In poco tempo mi sono reso conto che stava diventando facile e che il mio metodo aveva un senso.

Ora potrei scrivere che ho terminato con successo il corso e sono diventato un super sviluppatore/marketer. Che ho lanciato la mia piattaforma programmandola da zero. Fatturato il mio primo milione di dollari. Raccontato la mia esperienza ad un evento TED in California. E invece no.

Ho mollato il corso a metà. Mentre studiavo ho capito che non mi appassionava più fare quello che mi piaceva quando avevo 16 anni e che non avrei avuto il tempo necessario per dedicarmi alla programmazione con profitto. Ne ho comprato uno sulle vendite / marketing e l’ho completato utilizzando lo stesso metodo. Era molto più nelle mie corde e sono riuscito a mettere subito a frutto gli apprendimenti.

Ecco alcuni suggerimenti personali che mi sento di darti a questo punto per ottenere risultati da un corso on-line:

  • Scegli solo corsi che rispecchiano le tue aspettative e i tuoi obiettivi, hanno un sommario chiaro e sono recensiti positivamente da un buon numero di studenti. Se puoi cerca opinioni anche al di fuori della piattaforma del corso stesso.
  • Segna sulla tua agenda uno slot giornaliero di almeno un’ora da dedicare completamente all’apprendimento.
  • Guarda i video del corso nell’ordine in cui l’autore li ha progettati e senza fare salti. Il corso potrebbe avere già lacune di suo, perchè rischiare di peggiorare la situazione?
  • PRENDI APPUNTI! Il corso è in video, puoi vederlo quando vuoi è vero, ma gli appunti servono per aiutarti a memorizzare le nozioni e i concetti. Spesso vengono già forniti dei documenti riassuntivi ma non adagiarti solo su quelli.
  • FAI PRATICA! Questa è la cosa più importante. Se non metti in campo quello che stai apprendendo lo dimenticherai molto facilmente e soprattutto senza l’esperienza pratica la tua formazione non sarà mai davvero completa. Inizia subito e non rimandare alla fine del corso.

Condividi questo articolo se mentre leggevi hai pensato ad un corso on-line che hai comprato, iniziato e mollato.
Stampa questo articolo e mettilo sulla tua scrivania se mentre leggevi hai pensato ad un corso on-line che hai comprato e non hai mai iniziato.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Condividi su pocket
Pocket

Iscriviti alla newsletter

Ricevi gli inviti ai nostri eventi e ogni due settimane la nostra selezione di contenuti più letti.

Non andare via così presto!

Il nostro sito ti è piaciuto? Puoi continuare a seguirci iscrivendoti alla newsletter di SCOA – The School of Coaching e riceverai gli aggiornamenti dei nostri contenuti sulla tua casella di posta elettronica.

Hai bisogno di maggiori informazioni e vuoi parlare con noi?