In-basket: come indagare efficacemente le competenze manageriali

Redazione SCOA_Mettersi nei propri panni

Pablo Picasso una volta ha detto “Cerco sempre di fare ciò che non sono capace di fare, per imparare come farlo“ Ma è possibile prepararsi a situazioni che ancora non si conoscono?

In che modo il Coach può aiutare il Coachee a capire i problemi impliciti di una determinata situazione? Come ci si può allenare ad anticipare gli eventi che possono scaturire in una circostanza inaspettata?

Uno degli strumenti più usati è l’In-basket test, un test ampiamente utilizzato da psicologi, Coach e professionisti di tutto il mondo. Questa tecnica è utile in una varietà di applicazioni di valutazione, formazione e di ricerca in vari ambiti.

Ad esempio, questa metodologia è spesso usata dalla Marina Militare Americana per allenare i propri cadetti a situazioni impreviste, che richiedono una certa lucidità e prontezza di spirito.

Di che cosa si tratta?

Gli In-basket test possono essere considerati business game in cui si svolgono compiti fisicamente e/o psicologicamente simili a quelli svolti sul posto di lavoro quotidianamente oppure situazioni improvvise che potrebbero accadere.

Come è emerso esistono vari tipi di esercitazioni In-basket, da quelle più generali che simulano le competenze comportamentali su modelli standard a quelli strutturati con attenzione particolare al contesto di riferimento e formulati ad hoc.

Infatti, la simulazione nasce dall’utilizzare i materiali che si trovano nel cestino, appunto basket, del pc del Coachee – vecchie mail, bozze, appunti o registrazioni – come elementi per ricreare situazioni ipotetiche. In questo modo la circostanza simulata è il più verosimile possibile, dal momento che ha come punto di partenza elementi lavorativi esistenti. Allo stesso tempo, è possibile rappresentare un’ampia varietà di situazioni e contesti (J. S. Schippmann, E. P. Prien, J. A. Katz. Reliability and validity of in – basket performance measures, Personnel Psychology vol. 43, 1990).

Perché l’in – basket?

Esistono varie forme di simulazione o di giochi di ruolo utilizzati per studiare i comportamenti e le competenze necessarie per svolgere al meglio i propri task. Tuttavia, l’ in-basket test, si differenzia da ciascuno per alcune particolarità della propria metodologia.

Per prima cosa sono simulazioni che vengono somministrate individualmente: non sono previste interazioni con altre persone. Questa caratteristica lo rende adatto a poter essere eseguito anche on-line e da remoto.

A differenza di altre simulazioni che registrano le competenze interpersonali, come la gestione dei conflitti e la relazione con il resto del team, gli in-basket misurano le competenze manageriali e gestionali, come  people management, accuratezza, la pianificazione e l’organizzazione ecc. Allo stesso tempo, sono strumenti capaci di analizzare le conoscenze procedurali del lavoro.

Inoltre, la particolarità dell’in-basket sta nel fatto di essere in grado di valutare più costrutti, grazie alla sua formulazione che analizza una situazione verosimile della quotidianità, piuttosto che uno singolo come avviene con altre forme di simulazione. 

Gli in-basket possono valutare facilmente e in modo affidabile le competenze comportamentali tramite liste di controllo e schede i risultati emersi.

Grazie a tutte queste particolarità l’in basket-test è inteso come esercizio autonomo da eseguire on-line. Anche se inizialmente, all’interno dei corsi della Scuola si eseguivano queste simulazioni in presenza, con l’arrivo della pandemia e le derivanti restrizioni sugli assembramenti, è stato possibile digitalizzare con estrema semplicità questa metodologia, potendola eseguire anche da remoto senza inficiare la sua efficacia.

L’in – basket secondo SCOA

In SCOA – The School of Coaching, l’ In-basket test è uno strumento utile per indagare le competenze manageriali e gestionali amministrative. In particolare, all’interno della Scuola, questo strumento viene utilizzato sia come elemento di assessment, sia come esercizio per la valutazione individuale da eseguire lungo il percorso di Coaching.

Durante il corso per Senior Practitioner in Business Coaching, vengono proposti alcuni modelli particolari di in – basket, allo scopo di far prendere dimestichezza ai Coach con questa metodologia. 

Solitamente, il test simula l’inserimento improvviso in un nuovo contesto aziendale e vengono forniti una serie di documenti che rappresentano i problemi e le urgenze a cui è necessario far fronte in un tempo prestabilito.

In questo modo sarà possibile osservare alcune competenze comportamentali manageriali quali:

Emergeranno chiaramente le differenti possibili modalità di fronte a un problema, potendo indagare diversi modelli mentali e approcci alla decisione.

Ci sarà chi sarà più propenso a decidere sul singolo problema e chi, invece, preferirà aggregare temi connessi; oppure chi sarà più propenso a fare tanto a scapito magari di  fare bene.

Alla fine della simulazione sarà importante il momento di autovalutazione, guidata dal Coach. In questa fase si andrà a indagare come se sono stati soddisfatti dei bisogni oppure se ci si ritiene appagati dal processo decisionale applicato.

L’intero momento di dialogo e di confronto è volto ad analizzare le competenze comportamentali coinvolte durante la prova e come poterle allenarle.

Dai suoi inizi come tecnica di addestramento militare, l’ in – basket test si è evoluto come metodologia sofisticata, diventando uno strumento utile in vari ambiti e tra i più usati. Studi hanno messo in luce come questo test sia tra i più efficaci e validi per studiare la previsione delle prestazioni lavorative.

Inoltre, essendo una metodologia affidabile anche on-line, l’in – basket test diventerà uno strumento sempre più utilizzato e sofisticato (D. L. Whetzel, P. F. Rotenberry, M. A. MCDaniel. In – Basket Validity: A systematic review, International Journal of Selection and Assessment Vol 22, 214).

Avete mai sperimentato la metodologia in-basket? Quali competenze avete sviluppato tramite il test? condividete l’articolo sui social e le vostre riflessioni!

Cerca
Ricevi la
Newsletter
Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
Pocket
Torna su
Iscriviti alla newsletter

Ricevi gli inviti ai nostri eventi e ogni due settimane la nostra selezione di contenuti più letti.

Non andare via così presto!

Il nostro sito ti è piaciuto? Puoi continuare a seguirci iscrivendoti alla newsletter di SCOA – The School of Coaching e riceverai gli aggiornamenti dei nostri contenuti sulla tua casella di posta elettronica.