La riconquista della libertà

IMG_14064
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

In copertina | Martin Belou, Demain les chiens, 2019, “Future, Former, Fugitive”, Palais de Tokyo. Foto di Anja Puntari

Il lockdown ci ha riproposto con veemenza il tema della libertà. 

Forse, ci ha aiutato a prendere coscienza di quanta libertà avevamo già sacrificato molto prima della pandemia senza accorgercene, come la famosa rana che muore bollita nell’acqua scaldata lentamente perché non ha più le forze necessarie per reagire ed uscire dalla pentola, come racconta il filosofo Noam Chomsky . 

Mi ricordo di un seminario con il gruppo dirigente della filiale svizzera di una grande impresa multinazionale. Si lamentavano di perdere un sacco di tempo facendo cose inutili richieste dalla centrale. 

Li invitai, allora, a fare una lista di tutte queste attività superflue e successivamente di sceglierne una che avrebbero cessato o che si sarebbero rifiutati di fare dal giorno seguente. L’allegria che si era sviluppata mentre compilavano le liste cessò di colpo quando si trattò di scegliere a cosa rinunciare. «Non è possibile!» fu l’unanime commento. 

Le maglie del sistema in una multinazionale possono essere strettissime. Pur trovandosi ai piani alti della gerarchia, il gruppo aveva interiorizzato a tal punto le regole del sistema da non riuscire più ad immaginare di poterle interpretare liberamente. 

Va detto anche che, le stesse regole, permettevano loro di imporre ai loro collaboratori comportamenti e obiettivi da seguire perché «non è possibile fare diversamente». 

Come questi dirigenti svizzeri, parecchi miei clienti soffrono la mancanza di libertà nel contesto del loro lavoro e io sono convinto che il coaching, soprattutto se ispirato al pensiero sistemico, possa essere uno strumento valido per riconquistare spazi di maggior libertà. 

Un primo passo è la presa di coscienza, e spesso la riscoperta, dei propri desideri. 

LEGGI ANCHE: Come fare chiarezza sui tuoi obiettivi professionali

Alessandro Baricco scrive nel suo romanzo Oceano Mare: «…ho capito tardi da che parte bisognava andare: dalla parte dei desideri. Uno si aspetta che siano altre cose a salvare la gente: il dovere, l’onestà, essere buoni, essere giusti. No. Sono i desideri che salvano. Sono l’unica cosa vera. Tu stai con loro, e ti salverai».

I desideri si formano nella nostra mente nei primissimi anni di vita, se non addirittura nei primi mesi, e sono capaci di attivare il nostro potenziale e le nostre energie. Sono la fonte della nostra volontà e della fiducia nell‘autoefficacia. Sono i desideri che ci inducono a cercare la libertà di sviluppare tutta la ricchezza del nostro potenziale. A patto, però, che li riconosciamo e li seguiamo. 

Purtroppo però, troppo spesso la nostra attenzione è deviata da altri fattori che impediscono che il desiderio si possa sviluppare e trasformare in una chiara intenzione, in una volontà cosciente. 

Alcuni di  questi fattori devianti, forse tra i più insidiosi, sono proprio i criteri di performance e di successo dell’azienda. Noto infatti che molti manager li assimilano, si identificano con essi a tal punto da non percepirne più i condizionamenti, non solo nel loro modo di agire, ma addirittura nel loro sentire e pensare. 

Non è che tutti i criteri di performance e di successo siano a priori sbagliati o dannosi. L’aspetto problematico emerge nel momento in cui si perde la capacità di dissociarsi da essi, di riflettere sulle implicazioni, di valutarne la coerenza con i propri desideri e valori. 

Nel coaching possiamo aiutare il cliente, che ha preso coscienza dei suoi desideri, a riconoscere gli ostacoli che dovrà superare, i vincoli che dovrà accettare, le risorse che dovrà attivare e il prezzo che dovrà pagare per sviluppare una volontà cosciente e coerente, capace di guidare le sue decisioni e azioni, rendendo più liberi i propri pensieri ed efficace il proprio operato.

Georg Senoner

Georg Senoner

Nato nel 1953, laureato in economa aziendale presso l’Università L. Bocconi di Milano, nel 1998 inizia l’attività di consulenza di direzione in collaborazione con un noto studio milanese. In seguito fonda SysMaCon, una società di consulenza e formazione di matrice sistemica. Si specializza in sviluppo organizzativo, strategie ed executive Coaching. Insegna la metodologia delle costellazioni sistemiche in vari istituti europei e americani. Ha pubblicato vari contributi per libri e riviste di management.
Cerca
Ricevi la
Newsletter
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Condividi su pocket
Pocket
Torna su
Iscriviti alla newsletter

Ricevi gli inviti ai nostri eventi e ogni due settimane la nostra selezione di contenuti più letti.

Non andare via così presto!

Il nostro sito ti è piaciuto? Puoi continuare a seguirci iscrivendoti alla newsletter di SCOA – The School of Coaching e riceverai gli aggiornamenti dei nostri contenuti sulla tua casella di posta elettronica.

Hai bisogno di maggiori informazioni e vuoi parlare con noi?